FESTA DELLA TRASLAZIONE DEL MONOLITO

21 novembre

Il 21 novembre 1920, con grande concorso di popolo, il Monolito venne collocato definitivamente nel nuovo Santuario, da poco edificato. Precedentemente, infatti, vi era una piccola cappella che non riusciva a contenere i fedeli che sempre più numerosi accorrevano ai piedi della Vergine per implorare grazie e benedizioni.
Così, si decise di demolire la cappella e di edificare un nuovo edificio sacro. Contestualmente, il Monolito veniva trasferito provvisoriamente nella chiesa matrice del paese.
Una volta terminati i lavori, il Monolito venne portato solennemente in processione e collocato sull'altare maggiore del nuovo Santuario, che da lì a poco (21 dicembre 1920) sarebbe stato dedicato alla Vergine della Coltura.
Questa festa rappresenta, per il popolo parabitano, la riuscita di una delle più grandi opere che la città possa ricordare, dovuta soprattutto al fatto che l'edificazione del Santuario coincideva con la genesi e l'evoluzione della Prima Guerra mondiale.